Terza dose per docenti e personale scolastico, le proposte delle Regioni e la posizione del Governo sul “boost” vaccinale

Terza dose al personale scolastico: il Governo non apre una corsia privilegiata, legando la somministrazione della terza dose di vaccino a criteri anagrafici, piuttosto che alla professione. Contrastanti le posizioni all’interno dell’esecutivo stesso e tra il Governo e le Regioni. Alcuni governatori, come Vincenzo De Luca in Campania spingono per vaccinare il personale scolastico in quanto più esposto al pubblico e alle fasce deboli.

Nel complesso, il 91,2% del personale scolastico ha completato il ciclo vaccinale, di questi, il 3% (45.945) ha ricevuto solo la prima dose, mentre il 5,8% non è ancora stato vaccinato. Attualmente, risultano 90.000 dipendenti non immunizzati.

Il comparto scuola è quindi osservato speciale. Infatti, come rivela l’ultimo rapporto Inapp – il 78% degli insegnanti in Italia ha meno di 60 anni, nel caso degli ATA, il 72%. Sempre la stessa ricerca mostra che l’84% di chi opera nella scuola ha più di 50 anni.

Dal primo dicembre, è prevista la terza dose per la popolazione tra i 40 e i 60 anni, quindi, essendo 52 anni l’età media dei docenti e 53 del personale ATA, gran parte del personale scolastico è comunque prossimo alla terza dose.

De Luca, la terza dose al personale scolastico in Campania

Il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi definisce “indispensabile” una corsia preferenziale per i lavoratori del comparto scuola, molti dei quali sottoposti alla vaccinazione sin dalle primissime fasi, rischiano di trovarsi senza copertura. Si rischia di tornare a forme di Didattica a distanza.

Spetta adesso alle Regioni, decidere autonomamente se privilegiare il comparto dell’Istruzione. Il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca è categorico: “Dobbiamo fare uno sforzo per completare la terza dose al personale scolastico”.

L’obiettivo per il Governatore è vaccinare al più presto quelle 170.000 persone che rientrano nella categoria interessata e che appartengono alle file del personale scolastico, tra docenti, personale ATA e amministrativi.

Lo scontro interno al Governo

Contrastanti i pareri della politica in merito alla terza dose per il personale scolastico. Mentre il ministro Speranza annuncia la somministrazione per la fascia d’età tra i 40 e i 60 anni, escludendo una possibile corsia preferenziale per docenti e comparto scuola, il Sottosegretario Pierpaolo Sileri, auspica invece una priorità per il comparto scolastico per scongiurare la possibilità di ritorno alla Dad.

Il video dell’interrogazione su Green pass e terza dose