Da lunedì 6 dicembre entra in vigore il Super green pass. Ecco cosa cambia per il mondo della scuola, dall’obbligo per i docenti ai trasporti

Come stabilito nel Decreto Legge n.172 del 26 novembre, entra in vigore da oggi il Super green pass. Da lunedì 6 dicembre e fino al 15 gennaio bisognerà infatti presentare la certificazione rafforzata per vaccinati guariti dal Covid-19. Quindi, in diverse circostanze, non basterà il solo tampone negativo per continuare ad accedere ad alcune strutture.

Chi ha già ottenuto il green pass, a seguito della vaccinazione o per via dell’avvenuta guarigione, non dovranno scaricare alcun nuovo certificato. Le applicazioni sviluppate al fine di verificare la validità dei lasciapassare – come, ad esempio, VerificaC19 – continueranno a rilevare la validità delle certificazioni già acquisite.

Le novità per il mondo della scuola

Come ci si aspettava, a seguito dell’introduzione dell’obbligo vaccinale per le categorie appartenenti al personale scolastico, il nuovo Decreto introduce alcune novità per il settore scuola.

Obbligo vaccinale per i docenti

A partire dal 15 dicembre, infatti, tutto il personale scolastico è tenuto a adeguarsi all’obbligo vaccinale. In sintesi, come riportato dal sito Tecnichedellascuola.it, i docenti 

possono sin da ora prenotarsi per la terza dose di vaccino ma devono farlo necessariamente qualora l’ultima dose di vaccino sia stata somministrata loro nove mesi fa.”

Inoltre, come indicato nel nostro articolo la scorsa settimana, si specifica che alla data del 15 dicembre, in caso di mancata vaccinazione di uno o più membri del personale scolastico, il Dirigente dell’istituto è tenuto a invitare gli interessati a produrre la documentazione relativa all’avvio del percorso. Potranno però, nel frattempo, continuare ad accedere alle strutture sottoponendosi a tampone ogni 48 ore, come attualmente previsto. Se accertato l’eventuale volontario inadempimento del dipendente, gli uffici amministrativi possono procedere alla sospensione immediata del rapporto di lavoro.

Questa comporta la sospensione dello stipendio e degli altri compensi o emolumenti, fino al momento in cui il dipendente presenta la documentazione relativa all’avvio o alla conclusione del ciclo vaccinale. Per questo motivo, il generale Figliuolo ha predisposto delle “corsie preferenziali” per i soggetti appartenenti al personale scolastico; questi potranno infatti presentarsi agli hub vaccinali senza bisogno della prenotazione.

La stretta sui trasporti

L’altra novità riguarda invece il trasporto pubblico. Infatti, dal 6 dicembre serve il Green pass tradizionale (anche tampone, quindi) a chiunque – al di sopra dei 12 anni – usi i mezzi pubblici. Ricordiamo la non-obbligatorietà del green pass per frequentare le lezioni in aula.