Scuola. Landini sulla legge di bilancio: “Non escludiamo nulla”

Scuola. Landini sulla legge di bilancio: “Non escludiamo nulla”

Scuola. La Cgil boccia la legge di bilancio: “E’ una manovra che penalizza i più poveri, aumenta la precarietà”.

Scuola. La Cgil boccia la legge di bilancio, come spiegano le parole del segretario generale Maurizio Landini, intervistato al Tg 3: “Il nostro giudizio sulla manovra è negativo”.

“In un contesto difficile come quello che viviamo, si tratta di una manovra che penalizza i più poveri, aumenta la precarietà introducendo i voucher, premia gli evasori con tante forme di condono e attraverso la flat tax. Insomma, colpisce ulteriormente i lavoratori dipendenti”, spiega Landini.

“Non si aumenta il salario in modo adeguato – prosegue il segretario -, così la gente continua a non arrivare a fine mese. Sulle pensioni, la legge Fornero non viene riformata anzi c’è un blocco di fatto nell’uscita. C’è un’operazione che modifica la rivalutazione delle pensioni tagliando. Per tutto ciò il giudizio è negativo”.

“La sanità pubblica è a rischio. Siamo di fronte a tagli, mentre la sanità ha bisogno di molti investimenti. Esattamente come l’istruzione. Noi chiediamo di tassare gli extra-profitti, perché i soldi ci sono ma bisogna andarli a prendere, senza colpire i poveri e facendo seriamente la lotta all’evasione”.

“Non escludiamo nulla. Non avendo ad oggi nessun luogo di confronto, nè alcuna certezza che ci siano possibilità di modifiche, è evidente che dobbiamo pensare a qualsiasi iniziativa e, siccome i tempi sono molto stretti, dobbiamo pensare anche a forme creative di mobilitazione, per far conoscere la gravità di alcune scelte compiute, penso alla flat tax e ai voucher”, conclude Landini.

Rileggi le ultime news sulla Scuola.

Rileggi le ultime news sulla Politica Scolastica.

Articolo di Raffaele Francesco D’Antonio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *