Scoprire Goya grazie ad una mostra a Milano

Scoprire Goya grazie ad una mostra a Milano

La mostra “Goya. La ribellione della ragione” sarà visitabile al Palazzo Reale di Milano fino al 3 marzo 2024. Un evento utile per conoscere un grande pittore spagnolo

Pochi pittori sono riusciti a rappresentare la drammaticità dell’animo umano quanto lo spagnolo Francisco José de Goya y Lucientes (1746 – 1828). Milano ha deciso di dedicare a questo eclettico artista la mostra ‘’Goya. La ribellione della ragione’’, visitabile fino a domenica 3 marzo 2024.

Le scuole dovrebbero utilizzare questa importante occasione per far conoscere ai propri studenti “l’ultimo dei maestri antichi e il primo dei moderni”.

L’esposizione, curata dallo storico dell’arte Victor Manuel Nieto Alcaide, consente di conoscere il complesso percorso artistico del maestro aragonese, un’evoluzione che si è sviluppata tra fine Settecento e inizio Ottocento, un periodo turbolento nella Storia della Spagna.

Dipinto del celebre pittore spagnolo
Dipinto del celebre pittore spagnolo

Goya. La ribellione della ragione

La mostra è stata realizzata grazie alla sinergia che si è instaurata tra istituzioni culturali di livello internazionale quali il Comune di Milano e 24 Ore Cultura (Gruppo 24 Ore) con la collaborazione della Real Academia de Bellas Artes de San Fernando e il patrocinio dell’Ambasciata di Spagna in Italia e dell’Istituto Cervantes di Milano.

In sette sezioni tematiche sono esposte circa 70 opere di Goya, dipinti che ci consentono di scoprire il linguaggio rivoluzionario di questo pittore.

Un linguaggio capace di rompere gli schemi e le regole precedenti, creando al contempo qualcosa di nuovo, dirompente per la cultura artistica e sociale dell’epoca.

La mostra dedicata a Francisco Goya ci aiuta a ricordare e valorizzare il ruolo che ha avuto l’Italia, e Roma in particolare, nella sua formazione artistica. Il pittore, infatti, tra il 1770 e il 1771 ha soggiornato nella Penisola, avendo anche problemi con la giustizia (aveva rapito una ragazza di Trastevere rinchiusa in un convento dai parenti).

La Storia dell’Arte non sempre è considerata positivamente dai nostri studenti e ciò è un male perché l’Arte è strettamente collegata alla società che l’ha generata.

Articolo a cura di Alessandro Maria Raffone.

Resta sempre aggiornato su https://scuola.psbconsulting.it/news/

Autore