Giovedì 31 marzo, alle ore 10.30, presso la Sala “De Sanctis” di palazzo Santa Lucia a Napoli (sede della Regione Campania), si è svolta la conferenza stampa di presentazione della cerimonia inaugurale.

Essa dà ufficialmente inizio al programma di “Procida Capitale italiana della Cultura 2022“. 

La cerimonia inaugurale è prevista sabato 9 aprile alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Verrà inoltre illustrato il piano di potenziamento trasporti messo in atto dalla Regione Campania per Procida Capitale.

Interverranno il Presidente della Regione Vincenzo De Luca, il Sindaco di Procida Raimondo Ambrosino e il direttore di “Procida 2022” Agostino Riitano.

La data di sabato 9 aprile è stata programmata dopo un primo rinvio dovuto alla ondata di contagi da Covid-19 di inizio anno.

Originariamente, la cerimonia di inaugurazione di Procida Capitale Italiana della Cultura 2022 era infatti prevista per sabato 22 gennaio.

Ora però si parte con la speranza di non fermarsi più.

Il programma della cerimonia inaugurale di Procida Capitale Italiana della Cultura

L’evento inizierà a Calata Porta di Massa. Nell’area portuale di Napoli, con una sequenza di tre spettacoli e azioni performative curate dal Teatro dei Venti.

Con “Il pianoforte sospeso” (ore 14.00). Le note di Piano Sky accompagneranno l’ingresso degli ospiti sul traghetto che li condurrà da Napoli all’isola di Procida.

Come una metafora di musica in volo, un pianoforte e una pianista che suona dal vivo vengono sollevati a tre metri d’altezza.

Sospesa nel ventre della nave. Renata Benvegnù, giovane e talentuosa pianista italiana eseguirà vari generi musicali. Dalla musica leggera al jazz, dalle colonne sonore alla musica contemporanea.

Alle 16.30 a Procida, in piazza Marina Grande, andrà in scena la grande rappresentazione teatrale open air Moby Dick”. Con la regia di Stefano Tè, opera già vincitrice del Premio Ubu per il miglior allestimento scenico.

Al nucleo di 20 artisti (attori, danzatori, musicisti e tecnici) si uniranno i cittadini procidani. Concretamente inclusi in alcune scene dello spettacolo a conclusione di percorsi laboratoriali di tre settimane con i bambini dell’Istituto comprensivo Capraro di Procida e con il Coro Polifonico San Leonardo.

Gli spettatori assisteranno alla trasformazione di un carro-nave nella leggendaria balena bianca. Grazie al febbrile lavoro degli attori-marinai, fino al faccia a faccia tra Achab e Moby Dick. Metafora della sfida dell’uomo contro la natura, il prodigio, l’ignoto, il dio perduto, la paura che urla dall’abisso.

Alle 18.00 la Grande Parata. Un attraversamento del cuore dell’isola, tra strettoie, salite, discese e balconi, in dialogo profondo con le sue specificità architettoniche.

Lo spettacolo vede la partecipazione di Amici della musica – Banda Musicale Isola di Procida Aps, degli allievi della Scuola di teatro “Iolanda Gazzerro” di ERT / Teatro Nazionale (Modena), i trampolieri di Fenice Show Events (Milano) e diversi artisti locali.

La performance è stata ideata insieme agli abitanti nei giorni precedenti la cerimonia inaugurale. Attraverso poi un laboratorio di creazione collettiva che ha coinvolto gli studenti dell’ISS “F. Caracciolo – G. Da Procida”.

Alle 19.00, con “Les Tambours et Poupées auteurs dans un univers aquatique” di Transe Express, l’isola risuonerà delle suggestioni e degli echi dello spettacolo itinerante.

Da Piazza della Repubblica, cuore geografico dell’isola, la performance della compagnia francese. Con il supporto della Fondazione Campania dei Festival, si snoda lungo via Libertà e arriva al porto di Marina Grande.

Tre bambole giganti sfilano tra la folla incantando il pubblico con un repertorio che combina composizioni originali, canzoni popolari e grandi arie liriche. Accompagnate da una banda di tamburi fiammanti.

In contemporanea rappresentazioni luminose di pesci, meduse e serpenti d’acqua si elevano e galleggiano tra il pubblico.

Alle 19.45, il borgo di Marina Corricella, cartolina identitaria dell’isola e dell’intero Mediterraneo, ospita uno straordinario intervento di visual show architetturale a cura di Gio Pistone e Alessandra Carloni: sulle tipiche architetture mediterranee prenderanno forma i miti misteriosi del mare.

Lo spettacolo sarà in replica alle 20.45 e alle 21.45 e, domenica 10 aprile, alle 19.45, alle 20.45, alle 21.45 e alle 22.45.

Al tramonto, sarà inaugurata, all’ingresso di via Vittorio Emanuele, una luminaria a cura dell’artista Domenico Pellegrino per Voiello, main sponsor di Procida 2022.

Si tratta di una luminaria, che evoca riti e tradizioni meridionali.

Il visual, ideato da Claudia Bartoli, illustratrice e docente alla Nuova Accademia di Belle Arti di Roma (NABA), raffigura Procida, mitologica Nutrice di Enea e incarnazione dell’isola, che diventa simbolo di abbondanza insieme ai tre prodotti gastronomici tipici del territorio.

La cerimonia istituzionale con il Presidente della Repubblica

Alle 18.40, nell’ex convento di Santa Margherita Nuova a Terra Murata, prende il via la cerimonia istituzionale, introdotta dalla Fanfara dei Carabinieri.

Prima dell’intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, sono previsti i saluti istituzionali di Dino Ambrosino, Sindaco di Procida, Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania, Dario Franceschini, Ministro della Cultura, e Agostino Riitano, Direttore di Procida 2022.

Segue una relazione sul tema della speranza di Giovanni D’Antonio, diciottenne campano classificatosi primo in Europa, e quarto al mondo, tra i migliori studenti di filosofia.

Ad accompagnarlo le musiche del chitarrista Osvaldo Di Dio.