GESTIONE DEL PERSONALE, News, NORMATIVA

Nuove assunzioni PA. Il saper fare diventa più importante della conoscenza teorica

Nuove assunzioni PA. Il saper fare diventa più importante della conoscenza teorica

Articolo di Sara Barone

Le nuove linee guida per le assunzioni nella Pubblica Amministrazione, promosse dai Ministri Renato Brunetta e Daniele Franco, sembrano essere davvero innovative rispetto agli anni passati.

Lo scopo che vi è stato alla base, per le decisioni prese nella modifica di queste, infatti, ha previsto l’idea che le nuove assunzioni non debbano semplicemente sostituire le precedenti, bensì anche plasmare le nuove figure sulla base di quello che richiede il PNRR.

Prima differenza tra tutte, l’obiettivo principale sarà dunque quello di considerare anche capacità tecniche e comportamentali dei candidati, e non più soltanto le conoscenze teoriche, come è avvenuto fino ad oggi, in particolare con riferimento alle vecchie linee guida 2018.

Cosa cambia nelle assunzioni PA?

Come accennato, primo tra tutti sarà l’obiettivo di considerare anche le competenze pratiche rispetto a quelle meramente teoriche.
Si tratterà di valutazione anche di figure specifiche come esperti digitali, project manager, nonché professionisti per tutto ciò che concerne l’impatto tecnologico e dunque l’utilizzo delle piattaforme amministrative digitali, alcune delle quali con osservazione dell’utilizzo dei sistemi di transizione ecologica.

Continueranno ad esistere le soft-skills, ma con la richiesta per il dipendente di portare in atto anche in azioni concrete e pratiche sul lavoro. Come l’esigenza per costui di lavorare sia in squadra che singolarmente. Si tratta, notiamo, di competenze che venivano richieste già in passato, ma che da quest’anno avranno un impatto fondamentale ai fini dell’assunzione.

Ultimo, ma non meno importante, la creazione di vere e proprie “famiglie professionali”. Ovvero, ogni posto di lavoro sarà inserito all’interno di un contesto organizzato secondo una gerarchia e divisione di competenze e ambiti, garantendo così una pluralità di profili che collaborano per lo stesso fine.

Non solo essere dunque, ma anche e soprattutto il fare, sarà punto cardine delle nuove assunzioni PA.

Back to list

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.