La Rai racconta le donne di ieri alle donne di oggi

Dalle più note rappresentanti femminili a donne comuni e sconosciute: sette documentari con cui la Rai racconta le grandi donne di ieri per ispirare le grandi donne di oggi

Negli anni la Rai ha spesso dimostrato il suo impegno per promuovere la parità di genere ed il rispetto verso le donne. Proprio per questo motivo, la piattaforma ufficiale RaiPlay offre gratuitamente tanti prodotti documentaristici con cui poter commemorare ogni giorno la memoria di grandi donne che – sfidando il patriarcato e la retorica maschilista dei secoli scorsi – hanno cambiato la storia civile, politica, artistica e intellettuale dell’Italia. Brevi viaggi nel tempo che raccontano le donne di ieri che possono essere fonte d’ispirazione, forza e perseveranza per le donne di oggi.

Cronache di donne leggendarie (2022)

Condotto dall’autore televisivo Cristoforo Gorno, Cronache di donne leggendarie racconta, in sei puntate di circa 30 minuti, «alcune delle figure femminili più importanti del mondo antico e tardo antico». Partendo da un focus sulle speciali protagoniste e le loro vicende personali, gli episodi approfondiscono anche la condizione femminile, i riti matrimoniali e gli aspetti religiosi dell’epoca raccontata.

La Prima Donna che (2021)

Da Luisa Spagnoli, prima imprenditrice del Made in Italy, a Lina Merlin, prima donna eletta al Senato. Da Angela Giussani, la prima donna ad aver fondato una casa editrice a fumetti, a Cecilia Mangini, prima donna documentarista in Italia. E poi Elda Lanza, Margherita Hack, Rita Levi Montalcini, Lina Wertmüller, Laura Conti e tante altre ancora raccontate nella docuserie di 30 episodi brevi prodotta da Rai Intrattenimento Day Time. Definita come una “cura omeopatica contro gli stereotipi femminili”, la serie racconta in pillole di tre minuti – e con le voci di giovani testimonial – le donne pioniere che hanno segnato la storia italiana e non solo.

«Donne che hanno vissuto con forza, hanno aperto strade nuove, senza paura. Scardinando pregiudizi, conquistando ruoli, infrangendo monopoli, in una società a lungo legata al pensiero maschile».

La questione femminile (1976)

Diretta da Virgilio Sabel nel 1976, La questione femminile è una lunga inchiesta – di 10 episodi di circa 30 minuti – che analizza la condizione della donna in Italia e all’estero nella seconda metà del Novecento. Condotto da Laura Gianoli e realizzato per la rubrica pomeridiana “Sapere”, il programma inizia con il rispondere alla domanda “Cos’è la questione femminile?” per poi affrontare temi come la partecipazione della donna alla vita politica, l’educazione femminile ed il suo ruolo nella società, dal lavoro alla maternità. Infine, dando voce alle donne del tempo, esamina come l’emancipazione femminile ed il movimento femminista hanno partecipato all’evoluzione culturale del XX secolo.

La donna che lavora (1959)

Andato in onda per la prima volta il 25 marzo del 1959, La donna che lavora è l’inchiesta di Ugo Zatterin e Giovanni Salvi sulla condizione lavorativa delle donne ed il loro contributo alla vita socio-economica del Paese. La docuserie è composta da nove puntate di circa mezz’ora che raccolgono «numerosissime testimonianze di operaie, casalinghe, mondine, commesse, magistrati, contadine» che spiegano il complicato e duro rapporto fra donne e lavoro negli anni Cinquanta.

Femminile Plurale

Sezione che raccoglie 19 episodi di diversa durata (dai 5 ai 18 minuti) in cui «l’universo femminile è raccontato attraverso le storie di donne che, col loro coraggio e la loro determinazione, hanno contribuito a modificare il percorso della storia, indicando nuovi sentieri per una vita sociale, culturale e politica che non fosse più dominata esclusivamente dal mondo maschile». Femminile plurale è un omaggio per celebrare alcune delle grandi protagoniste del Novecento italiano, tra cui Sandra Mondaini, Anna Magnani, Nilde Iotti e Maria Bellonci.

Scrittrici del ‘900

Elsa Morante, Oriana Fallaci, Natalia Ginzburg, Dacia Maraini e Susanna Tamaro sono solo alcune delle scrittrici e poetesse italiane che – tra materiali d’archivio ed interventi televisivi – sono narrate nella docuserie Scrittrici del ‘900. Il programma, che mostra un’ampia panoramica sulla letteratura italiana femminile del secolo scorso, è composto da 12 puntate.

Donne di Scienza

Quante scienziate donne si studiano a scuola? E quante se ne conoscono davvero? Nonostante le ostilità del settore scientifico, le donne da sempre operano con successo nel mondo della scienza con tenacia, volontà, talento ed intelligenza. «In questo programma – composto da un’unica stagione di 15 episodi incontriamo le ricercatrici italiane più affermate di oggi e raccontiamo le storie delle grandi protagoniste della scienza del passato

Autore

Lascia un commento