Giornata Mondiale degli Insegnanti: 5 ottobre 2021

giornata-mondiale-insegnanti

Sostenere gli insegnanti affinché possano continuare a formare le future generazioni

É dal 5 ottobre 1944 che si svolge, annualmente, la Giornata Mondiale degli Insegnanti: “apprezzare, valutare e migliorare gli educatori del mondo” è fondamentale per garantire le esigenze formative delle future generazioni. Questa giornata è organizzata grazie alla collaborazione tra UNESCO, dell’Education International (EI) e dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO).

Raccomandazione UNESCO/ILO del 1966 

La giornata nasce per commemorare la Raccomandazione UNESCO/ILO del 1966 concernente lo status degli insegnanti, delineando al contempo gli standard relativi alla politica da adottare nei confronti del personale educativo, anche in materia di assunzione e formazione. L’opinione pubblica deve conoscere quanto viene fatto per impiegare gli insegnanti e le loro condizioni di lavoro.  

Un tema differente ogni anno

Una tematica differente viene scelta, dall’EI e dall’UNESCO, per poter veicolare al meglio il messaggio di sostegno al variegato mondo dell’insegnamento. Temi diversi per ogni anno: ad esempio, nel 2020, la tematica è stata “Insegnanti: guidare nelle situazioni di crisi, reinventare il futuro“. L’anno scorso si è voluto ricordare che il Covid-19 costituisce un ulteriore elemento di difficoltà per il lavoro dei docenti (la scorsa edizione si è infatti svolta online).

L’Obiettivo 4 di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 dell’ONU

Le Nazioni Unite hanno riconosciuto gli insegnanti, tramite l’adozione di “Istruzione di qualità” (Obiettivo 4 di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030), come soggetti imprescindibili per l’attuazione degli obiettivi riguardanti un’educazione che possa definirsi di qualità, equa ed inclusiva. 

Proprio per questo motivo è necessario lavorare tutti insieme per tutelare il diritto all’istruzione e per guidare le future generazioni nelle sfide dei prossimi anni. 

Articoli correlati