News

Covid: “Il Personale scolastico si è sostituito alle Asl”

I lavoratori del comparto scuola evidenziano le criticità del rapporto tra le Aziende sanitarie e gli Istituti scolastici nella gestione dei casi di Covid

Il dossier della Camera sul Dl 1/2022 presentato nelle scorse settimane chiarisce le modalità di gestione dei casi Covid nelle scuole. Nello specifico, rimarca le indicazioni già in vigore e illustra le novità introdotte dall’ultimo decreto. Tra queste, i compiti del Dirigente scolastico e quelli del Dipartimento di prevenzione.

Sono chiarite, inoltre, le modalità entro cui attivare la sorveglianza sanitaria per i soggetti in ambito scolastico. Come spiegato in questo articolo, nonostante lo sforzo del Governo, permangono alcune criticità nella gestione dei positivi e nel rapporto tra le Aziende sanitarie in diverse regioni italiane.

Lunedì, una nota firmata da Flc Cgil, Fp Cgil e Cgil regionali dell’Umbria, denunciava come le scuole siano diventate di fatto “sedi staccate delle Usl, con dirigenti, docenti e personale Ata impegnati praticamente a tempo pieno nel tracciamento”. Nel frattempo, l’attività didattica sta diventando “residuale, soffocata“– si legge – “da nuove incombenze e responsabilità che nulla hanno a che vedere con la funzione della scuola“.

Il parere di Anp

Alla denuncia dei sindacati si aggiunge quella dei dirigenti scolastici. Secondo i vertici dell’Anp, infatti, la politica sarebbe concentrata solo sull’elezione del prossimo Presidente della Repubblica. Nel frattempo – sottolinea Antonello Giannelli – nella maggior parte delle scuole “si lavora nel caos“. Questo poiché – continua – “il servizio, completamente snaturato, deve supplire alle carenze di quello sanitario territoriale“.

Il presidente dell’associazione dei presidi, infine, conclude ricordando che – al contrario di quanto sta accadendo – gli alunni e gli studenti colpiti dalla pandemia “avrebbero bisogno di particolari attenzione e cure”.

I referenti covid

Dello stesso parere il presidente di Andis, Paolino Marotta, che sottolinea il ruolo delle nuove figure dei referenti covid delle scuole. Quest’ultimi, incaricati di gestire il tracciamento, sarebbero stati lasciati in balia della confusione normativa. “Un impegno immane, non riconosciuto, che ha prodotto nelle scuole un disagio non più tollerabile“, conclude Marotta.


Per rimanere sempre aggiornato sulle novità, le promozioni e le notizie di Scuola PSB Consulting, iscriviti ai nostri canali FacebookInstagramLinkedIn e alla newsletter.

Back to list

Related Posts