I primi risultati della campagna di vaccinazione mostrano che l’idea di organizzare hub vaccinali presso i plessi scolastici della Campania ha raccolto un buon numero di adesioni

Lo scorso mese, a pochi giorni dall’entrata in vigore dell’obbligo vaccinale per i docenti e dell’ok da parte di EMA e AIFA alla vaccinazione dei bambini tra i cinque e gli undici anni, le regioni hanno iniziato a organizzare la campagna di somministrazione per i più piccoli. In Campania, il Presidente Vincenzo De Luca sosteneva con tenacia l’idea di allestire hub vaccinali direttamente in prossimità dei plessi scolastici.

L’obiettivo del governatore campano era quello di organizzare una campagna di vaccinazione “più attenta, più efficace e più rasserenante per le famiglie e per i bambini”. Ora, a gennaio 2022, gli hub vaccinali nelle scuole diventano sempre più realtà e sembrano arrivare i primi pareri positivi da quegli istituti in cui l’iniziativa ha preso piede.

La situazione a Napoli

Napoli ad esempio – come riportato da Tecnicadellascuola.it – alla scuola elementare Piscicelli alcuni bambini hanno già ricevuto la prima dose. I piccoli erano in fila all’esterno della palestra della scuola accompagnati dai loro genitori. Il plesso, di fatto, è diventato un hub vaccinale temporaneo. Ora, sono circa 250 i bambini in attesa di ricevere la somministrazione. Numeri alti, segno che la risposta – a detta della Dirigente scolastica – è stata molto positiva. Ad accogliere i bambini, intrattenendoli con giochi e momenti di svago, c’era il personale specializzato dell’Asl Napoli 1.

L’iniziativa è stata accolta positivamente dai genitori dei piccoli studenti. Anzi – come riportato – alcuni hanno confessato che “sono proprio i piccoli a chiedere di essere vaccinati”. Anche l’assessore all’istruzione della Campania, Lucia Fortini, ha espresso soddisfazione per la buona riuscita dell’iniziativa.

“Lo facciamo dal 16 dicembre, dal primo giorno delle dosi per i bambini da 5 a 11 anni. Abbiamo avuto 225 vaccinazioni in una scuola e 300 in un altro istituto. Ringraziamo le dirigenti scolastiche che si sono messe a disposizione. Negli istituti vengono allestiti spazi con giochi e gadget per rendere tutto più accogliente. Anche l’hub vaccinale è costruito in maniera meno asettica e più gioiosa”.

Lucia Fortini sugli hub vaccinali nelle scuole in Campania

Anp: “Assolutamente d’accordo”

La proposta di organizzare hub vaccinali direttamente nelle scuole ha trovato il parere favorevole anche dell’Associazione Nazionale Presidi, che attraverso il presidente Antonello Giannelli si dichiara “assolutamente d’accordo” con la linea presa da alcune regioni, perché – continua – “si riuscirebbe a raggiungere più rapidamente gli alunni”. Infine, secondo Giannelli, non bisogna dimenticare di coinvolgere anche la rete dei pediatri il cui consiglio – conclude – “per le famiglie è molto importante”.

L’iniziativa presa da alcune scuole campane ha attirato l’attenzione di altre amministrazioni. Infatti, anche l’Umbria ha intrapreso questa strada istituendo giornate ad hoc in alcuni istituti scolastici del distretto del Trasimeno. Allo stesso modo, la Regione Puglia sta organizzando l’evento “La notte è giovane”, dedicato alle vaccinazioni per gli studenti 12-19 anni, con 5mila prenotazioni già registrate in piattaforma.